Militari in strada e fondamenti di marketing

Mandare i militari in strada non ha nessuna utilità pratica sulla criminalità che, per altro,  non pare che abbia raggiunto livelli di allarme così elevati da giustificare l’uso delle forze armate, se non per quei “furbetti” che si comprano un villone, senza considerare il pericolo di vivere isolati nella campagna.

Perchè un governo, che avrebbe tante cose da sistemare, fra cui una crisi economica molto grave e con pochi sbocchi, si presti a una tale sceneggiata, è da ricercarsi in uno dei fondamenti del marketing:

la Qualità Percepita è per il consumatore/utente/cittadino molto più importante della Qualità Effettiva.

Sciorinare tanti soldatini in giro per le strade da il senso che “lassù qualcuno ci ama” alle vecchiette svampite che continueranno ad essere derubate nelle loro case dai finti addetti alla rete del gas o dai fintissimi amici del figlio che “ha avuto un incidente e gli servono soldi per riparare la macchina”.    

Il marketing ha sempre ragione, basta applicarlo anche alla politica.

Annunci

2 Responses to Militari in strada e fondamenti di marketing

  1. blogger24 ha detto:

    Innanzitutto ci sono i dati concreti presentati ieri da Maroni nel primo comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza (www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/politica/200808articoli/35677girata.asp) e se già volessimo sofferamrci su tali dati si capirebbe come l’invio dell’esercito in strada non è utile bensì utilissimo.

    In secondo luogo, non pensi che aumentando la qualità percepita i cittadini si sentano più sicuri e, di conseguenza, siano incoraggiati a non rinchiudersi nella paura (= omertà) ma, al contrario, a contribuire in misura maggiore alla segnalazione di gravi reati contando sul fatto che qualcuno (lo Stato) li protegge?

    Caro amico, io credo che una deriva verso uno stato militarista (spero vivamente che non solo la misura sia ripetuta fra sei mesi ma che aumenti anche il numero di militari inviati anche nei paesi più piccoli) è quanto mai necessaria (almeno per un determinato periodo) se si vuole mettere un pò di ordine in questo nostro Belpaese (non sono un fascista: ma penso che il pugno di ferro sia indispensabile per poter sperare in un paese libero e democratico).

    Non venitevi a lamentare quando si sente, quasi quotidianamente, delle stragi provocate da immigrati sbronzi o, peggio ancora, fondamentalsiti. Vi rendete conto che l’Italia sta diventando una colonia di immigrati? Ormai è difficile trovare un italiano in Italia…Mandateli via…non fateli avvicinare nemmeno alle coste

  2. comunicam ha detto:

    Questo blog non si occupa di politica, ma di comunicazione e marketing, e la considerazione era di approvazione (in termini di marketing) di un evento che è solo pubblicitario.
    Con un provvedimento, che non costa niente, si fornisce alla popolazione, in gran parte fatta da anziani di bassissima scolarizzazione (circa 30 milioni di persone), l’idea che si sta facendo qualcosa contro la criminalità predatoria (ma non contro quella organizzata).
    Sono misure che non servono a niente, come è stato dimostrato da due economisti americani e perciò la rimando al mio blog sulla politica e l’economia.
    http://cannedcat.blogspot.com/2008/04/riusciranno-fermare-la-criminalit.html
    La criminalità è sottoprodotto dell’immigrazione che ha moltissimi sponsor fra gli imprenditori e la chiesa.
    Inoltre, certi vizi ormai molto diffusi degli italiani richiedono che ci sia chi fornisca loro le merci (droga, materiale oontraffatto) e servizi (prostituzione, usura) che si portano dietro anche la criminalità predatoria (scippi, assalti, borseggi).
    http://archiviostorico.corriere.it/2006/giugno/02/Cocaina_nel_depuratore_Nosedo_co_7_060602024.shtml

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: